Responsabile: Prof. Giulio Magli  -  Delegato per i rapporti con la scuola: Prof. Marco Bramanti
Home / formazione / Seminari FDS

Seminari FDS

I seminari FDS, nati nel 2008, si svolgono ogni anno da Ottobre a Marzo, il mercoledì pomeriggio alle 15:00. La serie propone conferenze tenute da docenti del Politecnico o da docenti esterni appositamente invitati (italiani e stranieri) e anche, tradizionalmente, una o più conferenze dedicate alla divulgazione scientifica e tenute da noti divulgatori.

I seminari sono liberi e aperti a tutti, in particolare a colleghi del Politecnico, a docenti di scuola secondaria di I e II grado e a studenti della scuola secondaria di II grado.
 
Per motivi logistici è richiesta una iscrizione tramite il seguente form online
 

Il calendario A.A. 2019/20:

Tutti i seminari si terranno in Sala Consiglio, 7° Piano del Dipartimento di Matematica, Ingresso via Ponzio 31/P


Mercoledì 16 ottobre, ore 15:30

Paolo Finotelli, Politecnico di Milano

L’interazione fra neuroscienze e matematica: analisi della connettività cerebrale utilizzando i grafi.

Abstract. L'intento di questo seminario è mostrare come l'interazione fra le neuroscienze e la matematica sia in continua crescita e sia destinata a costituire la base della medicina moderna. In particolare, verranno introdotti i fondamenti della connettività cerebrale e della teoria delle reti complesse, di cui la teoria dei grafi costituisce l’impalcatura matematica. Come caso particolare verrà presentato un recente modello per la determinazione della connettività cerebrale basato sulla teoria dei grafi.


Mercoledì 30 ottobre, ore 15:00
Giulia Bini, Università degli Studi di Torino

Maths goes social: usare i meme per fare matematica in classe

Abstract. Questo seminario vuole condividere i primi risultati di un lavoro di ricerca sui significati e i possibili usi didattici dei meme matematici. I meme sono oggetti digitali – tipicamente di natura umoristica – creati dagli utenti e condivisi in modo virale nel web: essi vengono dal pianeta social, ma recenti ricerche mostrano che possano dare un contributo alla didattica della matematica, facendo leva su ciò che gli studenti conoscono. Nel seminario sarà prima proposto un costrutto teorico per identificare gli elementi che compongono il sistema di significati veicolati da un meme e verranno condivisi esempi ed esperienze didattiche.


Mercoledì 13 novembre, ore 15:00
Anna Salvadori e Primo Brandi, Università di Perugia:

La retromarcia in Matematica: invertire formule, funzioni, operatori.

Abstract. Scopo dell’intervento è presentare il percorso didattico innovativo, in continuità fra vari ordini scolastici, sul tema dell’invertibilità.  Partendo dalle formule inverse delle funzioni elementari, l’argomento sottende la soluzione delle equazioni elementari ed è la chiave per affrontare i modelli differenziali.

Il tema sarà trattato in interazione dinamica fra Realtà e Matematica.

Nota: questo seminario sarà una lezione-laboratorio e avrà durata un’ora e mezzo.


Mercoledì 20 novembre, ore 15:00
Marco Pedroni, Università di Bergamo:

Geometrie non Euclidee e Teorie Fisiche.

Abstract. Dopo aver introdotto il concetto di geodetica su una superficie e aver brevemente discusso le geometrie non euclidee, si passerà a una descrizione della relatività (ristretta e generale). Lo scopo è quello di mostrare che in relatività generale avviene una fusione tra geometria e fisica: lo spazio non si può più concepire come un palcoscenico immutabile nel quale vengono poi introdotti i corpi, come nelle teorie classiche. In conclusione, se il tempo lo permetterà, si accennerà all'osservazione delle onde gravitazionali.


Mercoledì 27 novembre, ore 15:00
Giuseppe Conti, Università di Firenze:

Un viaggio nel mondo dei poliedri

Abstract. In questo seminario intendo esporre un argomento molto importante della geometria dello spazio, anche se, talvolta, questo viene trascurato, o presentato superficialmente, nei programmi della scuola superiore: i poliedri. Dopo avere introdotto la loro definizione e le loro principali proprietà, sarà mostrata la loro presenza nella natura, nella vita quotidiana e nell’arte, partendo dall’antica Grecia fino ad arrivare ai nostri giorni. Anzitutto saranno trattati i poliedri regolari; successivamente sarà introdotta l’importante famiglia, soprattutto nelle applicazioni, dei poliedri archimedei. Infine, saranno presentati gli interessanti poliedri di Goldberg.


Mercoledì 4 dicembre, ore 15:00
Alice Lemmo, Università degli studi dell’Aquila:

Come utilizzare le prove invalsi nella pratica d’aula

Abstract. L’obiettivo del seminario è riflettere su come, a partire dai dati restituiti dal Servizio Nazionale di Valutazione, si possano intraprendere azioni di consolidamento e miglioramento all’interno dalla propria classe, e non concentrarsi su cosa fare per preparare le prove INVALSI. Questo viene realizzato esplicitando il legame delle domande con le Indicazioni Nazionali e con le prassi didattiche, e utilizzando gli opportuni costrutti della didattica. Particolare rilievo verrà dato al fatto che gli obiettivi di apprendimento alla base delle pratiche d'aula sono fissati dalle Indicazioni Nazionali e non dalle prove che invece forniscono informazioni su come questi obiettivi sono raggiunti.

 

10° Ciclo - Seminari FDS
Seminari svolti
  • ott 4 mer 2017

    Marco Bramanti e dott. Giorgio Portera (Dipartimento di Matematica, Politecnico di Milano)
    Il test del DNA per l’identificazione criminale: dalla biologia al calcolo delle probabilità
    Mercoledì 4 ottobre 2017 ore 15:00Aula Consiglio, 7° piano, edificio Nave, via Bonardi, 9 - Milano
    Abstract:
    Il test del DNA, per confrontare una traccia biologica con l'identità genetica di un sospettato, è una pratica scientifica forense ormai molto nota all'opinione pubblica. Ma in cosa consiste esattamente? Su quali fatti biologici si basa questo metodo, e che grado di certezza hanno le conclusioni di questo tipo di indagine? In questo seminario, a due voci, si partirà dalla descrizione delle idee biologiche e delle tecniche operative del metodo (prima parte del seminario, tenuto da un biologo forense) per proseguire con la discussione di alcuni aspetti matematici, in particolare probabilistici, che chiariscono da un punto di vista quantitativo il grado di attendibilità del metodo stesso (seconda parte del seminario, tenuto da un matematico)

  • nov 8 mer 2017

    Elena Claire Ricci (Università degli Studi di Milano)
    Quante sono le dimensioni della sostenibilità?
    Mercoledì 8 novembre 2017 ore 16:00Aula seminari 6° piano del Dipartimento di Matematica
    Abstract:

    In un'epoca in cui diverse sfide globali impongono un ripensamento dei modelli organizzativi, sia individuali che collettivi, verso modelli più sostenibili, esistono strumenti per misurare la sostenibilità di una scelta, un'azione, una strategia o una politica? Dopo un’introduzione al concetto di sviluppo sostenibile, il seminario esaminerà il problema della natura intrinsecamente multidimensionale della sostenibilità. In particolare affronterà il tema della determinazione, della misurazione e dell’integrazione delle sue diverse dimensioni. I concetti teorici verranno infine declinati in un caso studio riguardante l'innovazione del sistema elettrico, confrontando due modelli di sviluppo incentrati su super-grid o smart-grid.

  • nov 29 mer 2017

    Marco Beghi (Politecnico di Milano)
    Motori a reazione e razzi – La propulsione nell'atmosfera e fuori di essa
    Mercoledì 29 novembre 2017 ore 15:00Sala Consiglio VII piano, Dip. di Matematica
    Abstract:
    In un fluido, in assenza di un appoggio solido, la propulsione si ottiene accelerando del fluido in direzione opposta. Questo è quanto fanno le eliche, sia navali sia aeronautiche, che accelerano il fluido nel quale sono immerse. Anche i motori a reazione eiettano soprattutto aria dell'atmosfera. Per i viaggi spaziali, il movimento nel vuoto non subisce resistenze, ma richiede l'utilizzo dei razzi, che devono avere a bordo tutto il fluido che eietteranno. Questo pone dei requisiti molto stringenti alla realizzabilità dei voli, requisiti che vengono analizzati in qualche dettaglio, e che fanno sì che per l'accesso ai pianeti esterni venga utilizzato anche un altro meccanismo, la cosiddetta 'fionda gravitazionale'.

  • gen 31 mer 2018

    Christian Vergara (Politecnico di Milano)
    La matematica computazionale applicata alla medicina: risposte quantitative a diversi problemi clinici
    Mercoledì 31 gennaio 2018 ore 15:00Sala Consiglio VII piano, Dip. di Matematica
    Abstract:
    I modelli matematici permettono di descrivere quantitativamente il comportamento fisiologico e patologico del sistema cardiovascolare, dalla fluido-dinamica del sangue alla sua interazione con le pareti vascolari, dalla attività elettrica del cuore alla sua interazione con la contrazione cardiaca, giusto per citare qualche esempio. Al fine di ottenere risultati fruibili dai clinici, metodi numerici e computazionali sono utilizzati, che permettono di risolvere i problemi originari in maniera approssimata tramite l'ausilio di grandi calcolatori. Ciò permette di studiare delle situazioni patologiche al fine di capire meglio la loro causa e/o sviluppo e in caso di meglio progettare delle soluzioni terapeutiche. In questo contributo verranno riportati degli esempi a riguardo, in particolare la aterosclerosi in carotidi e coronarie, i disturbi elettrici nel ventricolo sinistro, il malfunzionamento delle valvole cardiache.

Anna Maria Paganoni e Marco Bramanti