Formazione, Divulgazione, Sperimentazione, Beni culturali, Multimedia, Libri, MOOC

Responsabile: Prof.ssa Anna Paganoni  -  Delegato per i rapporti con la scuola: Prof. Marco Bramanti

Formazione

Divulgazione

Sperimentazione

Beni culturali

Multimedia

Libri

MOOC

Home / sperimentazione / Matematica a Brera
edited by Tullia Norando and Paola Magnaghi

Progetto Sperimentale Interdisciplinare

collaborazione con la Scuola di Grafica d'Arte

Il Progetto “Lezione di Galileo Galilei sulla struttura dell’Inferno ” ideato da Paola Magnaghi, Tullia Norando del Dipartimento di Matematica del Politecnico di Milano e Alessandra Angelini dell’Accademia di Belle Arti di Brera, si configura come un'occasione di contatto tra il pensiero scientifico e quello artistico e prende spunto dalla prima delle due lezioni tenute da Galileo Galilei presso l’Accademia Fiorentina nel 1588, commissionate dall’Accademia stessa per risolvere una controversia letteraria riguardante l’interpretazione dell’Inferno di Dante.

Galileo Galilei, nell'arco della sua lunga vita, ci ha indicato il ruolo fondamentale dell'esperienza come metodo per giungere alla conoscenza, dimostrandoci come, attraverso un'obiettiva osservazione della realtà, si possa giungere alla comprensione dei fenomeni della natura.

Nella lezione dedicata alla misurazione dell'Inferno dantesco, basate sulle indicazioni del Manetti, lo scienziato applica il metodo della misurazione scientifica alla narrazione dantesca, e ci permette così di effettuare un'operazione per alcuni aspetti sorprendente: misurare in scala l'architettura fantastica raccontata dal grande Poeta.

In una parola: applicare la geometria e il calcolo a un prodotto dell'immaginazione.

E' il percorso segreto, quello della misura e del successivo distaccarsene, praticato dal vasto mondo dei creativi, artisti, scrittori, poeti, designer, architetti, musicisti, nel momento in cui danno forma alle loro idee.

Gli studenti dell'Accademia di Belle Arti di Brera sono stati invitati a riflettere sul rapporto tra rappresentazione geometrica e interpretazione artistica e quindi hanno realizzato un disegno in scala della struttura dell’Inferno, utilizzando differenti supporti cartacei e tecniche di disegno a loro scelta. In seguito hanno prodotto opere originali, scaturite dalla personale visione artistica dell'argomento e svincolate dalla pura rappresentazione scientifica.

Le opere sono state esposte in mostra allo spazio "G. Nardi" del Politecnico di Milano dal 14 al 18 maggio 2012.